Esodo dai social cioè morire e rinascere a nuova vita

Esodo dai social cioè morire e rinascere a nuova vita
“Essere amati profondamente da qualcuno ci rende forti, amare profondamente ci rende coraggiosi“ Tao

Esodo, defezione, liberazione esagero abbandono solo i social perché? Perché non avevo nulla da fare solo osservare le vite degli altri e per un ex agente provocatore, (un lumpen o soreliano come mi chiamavano gli anarchici e ci sarebbe da discutere questa definizione sono solo vostro malgrado uno spirito libero?! È come per Novatore non c’è anarchia o comunismo che valga la mia vita). E devo dire non è un esperienza piacevole ma controproducente autolesionista. Cercavo qualcosa e qualcuno cercavo solo un abbraccio e cosa ho trovato?
Ho trovato alcune belle persone che non cito non menziono e del resto non so cosa dire vivono io sopravvivo. Non c’è niente di male stare qui io non giudico ma non è la mia casa. Io non ho una casa in questo mondo. Borderline e bipolare forse anche di più… ex ubriacone con la testa bruciata dagli acidi un altra falsa liberazione che assomiglia al mondo virtuale che per tanti anni fa era l’occasione di scoprire un eldorado una nuova democrazia invece è solo e soltanto compravendita delle nostre vite.

Cercavo la mia Amica ma lei non mi ha risposto, credevo che fosse cambiata ritornata quella ragazza che ho conosciuto in un altra vita. Ma sbagliavo preferisce i vincenti, Nietzsche direbbe i signori mentre io sono uno schiavo con la morale dello schiavo anche se cerco di parlare al cuore. Lei ha stile e una voce che incanta e parla delle persone che perdono Che stanno male. Ma dentro di lei ci sono, come per mia cugina di Milano (che mi ha fatto perdere la testa mi ha distrutto)mentre cinguettava, i perdenti e i vincenti come le hanno insegnato nel suo club esclusivo i tanti artisti del socialismo degli imbecilli cioè i frankisti. Ci sono i Capri espiatori e i paria in questa società liberale che parla di libertà ma per chi?
Ma alla fine lei vive la sua vita il suo sogno ha sofferto molto ed io sono solo uno scheletro nel armadio una zavorra etc.
E chiudo ciao Amica, ciao cugina e ciao ho detto ciao a tutti gli altri che si sono avvicinati ad un mostro mi hanno dato consigli come Maria e Valentina e la poetessa Julie. Ciao Sicret la verità è che non c’è nessun segreto la realtà è sotto gli occhi di tutti e se vi sta bene amen. Un bacio al vento che porterà…

PS:
L’amore rubato dai servi del Partito-Chiesa Mina canta “ci vuole l’amore” a me l’hanno rubato per un intera vita i sgherri (servi) del Partito-Chiesa perché abbiamo tentato l’assalto al cielo e screditato l’ultima burocrazia staliniana in occidente quella della questione morale quella che viene da lontano e va lontano non si sa dove o forse si diritta a controllare il proprio conto segretato in banca finanziato dalla lobby dei deviati chiamata da sempre Frankista. Da Jacob Frank il primo santone della modernità fondatore di un una setta anti-nomiana e poi movimento lobbistico (parastatale) dopo la sua morte creatore tra i tanti del “socialismo degli imbecilli”. Sempre coi potenti grigi, neri o rossi o bianchi sempre col potere col le loro idee da medioevo “il capro espiatorio” Io che ho vissuto da capro espiatorio e non lo auguro a nessuno, posso dire Ya Basta! Basta all’amore rubato, basta allo scempio di una Repubblica che si auto rappresenta democratica e civile nata dalla resistenza. Che al suo primo articolo dice di esser fondata sullo sfruttamento del lavoro (sic.) Basta è il grido disperato di un criminale politico un lumen come mi chiamavano gli anarchici, un refrattario, che ora è rovinato, psicologicamente e fisicamente ma ha ancora il “coraggio” del Ribelle, del Anarca Stirneriano, l’UNico! E dico di NO quando le istituzione mi chiedono e mandano dei questionari chiamati elezioni democratiche.
Ma cos’è quest’amore rubato? Chi ha deciso e perché e quando? Alla metà degli anni settanta gli anni del piombo fuso o della contestazione quando nel milanese si stava formando “l’autonomia diffusa” libera da ogni logica e azione di Partito Classe. IL Partito- Chiesa stava entrando dentro lo Stato che aveva poco di diritto e tanto di strategia della tensione. Un area politica nell’ultra sinistra che nessuno difendeva venne sacrificata i suoi militanti perseguitati e i suoi figli rinchiusi nelle cliniche manicomio del ringiovanimento ( un lascito del nazi-fascismo) per esperimenti genetici. Persi due anni della mia vita sia psicologicamente che fisicamente con altri 100 bambini io Walter Simonetti, venni ringiovanito questo è il prezzo della democrazia. Non si fermarono qui con me, l’Unico, Il Messia del Nulla che gli aveva screditati di fronte all’opinione pubblica. Ma era una scusa lo stalinismo perde il pelo ma non il vizio della persecuzione dell’avversario alla sua sinistra. Avevano programmato una vita da film da fantascienza ucronica. I dirigenti più in vista del partito, i burocrati cresciuti a pane Stalin poi ricondotti all’euro-comunismo decisero che non dovevo fare una vita normale avere rapporti con l’altro sesso, avere amicizie cioè dovevo diventare un “capro espiatorio” tante di queste idee vennero dalla Lobby Frankista legata a doppio filo al Partito-Chiesa. Coi loro soldi, coi loro killer avrebbero sistemato tutto. Ero un morto che camminava.
E se una donna ci stava sarebbe stata violentata dai “compagni” più in vista o dagli stessi dirigenti come fossero antichi sovrani, questa era la ciliegina sulla torta. Ma le cose non andarono proprio così solo col l’aiuto dei lavaggi del cervello (e le medicine della memoria illegali) da solo contro tutti sono riusciti a non farmi vivere a cancellarmi il vissuto quotidiano, mi hanno rubato l’amore. Ora siamo qui tutto è aperto anche se tutte le strade sono sbarrate. Ci vorrebbe un insorgenza singolare, un sussulto destituente a favore dell’anarca stirneriano, al massimo una petizione popolare virtuale ma non ci sarà mai per un criminale politico che alcuni considerano un vampiro (psichico) uno dei peggiori esseri umani vissuti in Italia dicono i campioni del post-stalinismo ora iper-liberali. E poi soprattutto i soldi frankisti sono soldi anche se poi fai l’uomo di sinistra e inneggi ai diritti umani ma quello che non capisci e che fai parte del socialismo degli imbecilli. All’ora non rimane altro che pregare Ba al e farsi i tarocchi che poi ci scappa pure un selfie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...